Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

PROGETTI

dav

One Endless Minute

“One Endless Minute” è una installazione nata in occasione di Liminaria, progetto a cura di Leandro Pisano e Beatrice Ferrara scelto tra i progetti collaterali di Manifesta12. “OEM” indaga, attraverso l’ascolto e il paesaggio sonoro, l’area di Ciaculli dove ancora oggi si fondono componenti urbane e agricole. Ciaculli era ed è ancora oggi dominata da una vasta  area verde semi-abbandonata – la Tenuta Favarella – possedimento di Michele Greco, capo mafioso tra i più sanguinari.
L’installazione è presentata attraverso tre cubi di cartone al cui interno sono posti dei vecchi walkmann da cui è possibile ascoltare ed avere un scorcio sulla Ciaculli immaginifico e surreale. Tre diversi momenti sonori accompagnano l’ascolto attraverso un loop di un solo minuto che si ripete fino al suo rallentamento, al suo degradarsi causato dall’esaurimento delle batterie.
“OEM” è, dunque, una riflessione sul tempo e su come questo possa trasformare i significati.

PROMO VIDEO


city scripts - manifesta

City Scripts di Giorgio Vasta

City Scripts prende forma a partire da una città, Palermo, fatta di spazio e di tempo, e cinque narratori: tre dei quali singoli, Fulvio Abbate, Emma Dante, Giorgio Vasta e due plurali, giovani tra i venti e i venticinque anni, provenienti dall’Italia e dall’Africa che vivono oggi in città. City Scripts è la descrizione di cinque frammenti palermitani, cinque testi che saranno resi disponibili sotto forma di podcast scaricabili gratuitamente, cinque ‘visioni da ascoltare’, cinque percezioni dello spazio palermitano nel corso del tempo (sia il passato sia il futuro), cinque micronarrazioni in cui il wordscape, un paesaggio di parole, si mescola al soundscape, il paesaggio sonoro.

City Scripts è anche un percorso didattico che Manifesta12 realizza in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Sede Sicilia: messo a disposizione dei dieci giovani autori, diventa un’occasione per ragionare sulla narrazione dello spazio fisico (con Giorgio Vasta), sul soundscape (con Pietro Bonanno e Fabio Lattuca, vale a dire il progetto VacuaMoenia) e sull’audio documentario (con Letizia Gullo).

In collaborazione con:
Fulvio Abbate, Emma Dante, VacuaMoenia, Letizia Gullo, Angelica Cricchio, Giulia Leoni, Andrea Mafrica, Costanza La Bruna, Toumani Diabaté, Mustapha Conteh, Bandiougou Diawara, Centro Sperimentale di Cinematografia – Sede Sicilia

Indice:

1.City Scripts Via Vincenzo di Pavia di Fulvio Abbate
2.City Scripts – Arenella
di Emma Dante
3.City Scripts – Pozzo Arabo
di Giorgio Vasta
4.City Scripts – Panchina del Giardino Inglese
di Angelica Cricchio con Mustapha Conteh e Andrea Mafrica
5.City Scripts – Palermo attraverso le linee degli autobus 101 e 628
di Bandiougou Diawara, Costanza La Bruna, Giulia Leoni, Toumani Diabate


metascape

METASCAPE

METASCAPE è un live streaming di un paesaggio sonoro e, dunque, uno studio sulla schizofonia: gli ascoltatori saranno presenti temporalmente all’’evento sonoro, ma distanti spazialmente migliaia di chilometri. Il lavoro, inoltre, è in sé uno studio sulle tecnologie compositive, elettroacustiche e informatiche coinvolte nel processo d’’ascolto in tempo reale.
 Durante il front end – streaming \ registrazione – non vi è possibilità di compiere editing in post-produzione, lasciando che sia l’”’alea” a determinare gli sviluppi compositivi e complicando le tecniche di microfonazione, ravvicinate e non. Ad aggiungere elementi casuali sono gli aspetti telematici legati alla diffusione di dati attraverso la rete internet.
 Il back  end – il coinvolgimento dell’’ascoltare – si pone il problema di decriptazione psico-cognitiva nel determinare sorgenti, eventi e forme che rende il soggetto ascoltante l’’attore principale implicato nell’’interpretazione.


gradients

GRADIENTS

Gradients è un’installazione sonora sui paesaggi abbandonati della Sicilia. Il lavoro è stato selezionato per il Symposium on Acoustic Ecology organizzato dall’University of Kent presso Chatam (UK) nel 2013, per la Nuit Blanche 2014 di Parigi, per l’FKL Symposium di Firenze nel 2014 ed ha preso parte alla mostra “In Hoc Signo” organizzata dalle più importanti gallerie e colletive d’arte di Palermo nell’Ottobre del 2015

promo


poggioreale1

ELIMA

Elima aims at exploiting sound and listening while building a new vision of places’ history and future. The project spreads over one of the most characteristic areas of Sicily, that of Trapani, taking its name from the city founded on Mount Castellazzo by the Elimi, on the hill overlooking the ancient town of Poggioreale.
Listening is a tool, though blind and somehow virgin. Listening and recording sounds, as for images and photography, is a research action on the territory that develops out of creativity and intuition. All this translates into a continuous contact with the landscape, through the history of people who lived it and by the resonance of the land, the territory that sounds through its elements.